Studio: Nuovo calcolo dei costi del congedo parentale

La Commissione federale per le questioni familiari COFF ha fatto ricalcolare i costi della sua proposta di modello di congedo parentale. I calcoli mostrano un investimento di 15.000 franchi per bambino, il che corrisponde a 1,3 miliardi di franchi all'anno. Questo sulla base di 88.500 neonati all'anno e un tasso di indennità per perdita di guadagno dell'80%, ipotizzando che il ricorso a questa soluzione sia simile a quello di Islanda e Norvegia. In questi due paesi, le madri utilizzano il 92% del tempo a loro disposizione e i padri tra il 74 e l'86% del tempo a loro riservato.



Ein Vater liest seinem Kind vor
Foto: Picsea / unsplash


Da molti anni la COFF si impegna per l'introduzione del congedo parentale nazionale. Oltre alle attuali 14 settimane di congedo maternità, il modello proposto dalla COFF prevede 8 settimane per il padre e 16 settimane che possono essere liberamente ripartite tra i genitori. Il lavoro a tempo parziale o il congedo parentale frazionato dovrebbe essere possibile per entrambi, in modo da apportare il maggior beneficio possibile alla salute di tutti i membri della famiglia, alla parità tra i sessi e alla conciliabilità tra famiglia e lavoro, e di massimizzare il rendimento della formazione delle madri.


Il nuovo calcolo è stato commissionato in quanto i costi sono probabilmente aumentati negli ultimi dieci anni. Questo è dovuto alla crescita demografica, all’aumento della partecipazione al mercato del lavoro, all’aumento della retribuzione delle madri e all’andamento generale dei salari. L’Ufficio di studi di politica del lavoro e di politica sociale BASS ha pertanto eseguito, su incarico della COFF, un nuovo calcolo dei costi del suo modello prendendo come anno di riferimento il 2019.


Calcolo basato su scenari di riferimento il più possibile realistici

Per presentare gli scenari più realistici di ricorso al congedo parentale (durata di riferimento e tasso di riferimento) si è fatto riferimento a paesi con meccanismi-modello simili (ammontare delle indennità, quote riservate ai padri, flessibilità della fruizione). Tra questi figurano la Norvegia e l’Islanda. In base al modello COFF, il tasso di fruibilità per le madri corrisponde a 15 delle 16 settimane massime disponibili e per i padri a poco meno di 5 delle settimane a loro riservate. I costi di tale utilizzo ammontano a circa 1,3 miliardi di franchi all’anno.

A titolo di confronto, il costo attuale del congedo di maternità e paternità, calcolato con i dati del 2019, è di circa 1 miliardo di franchi all’anno. Questi sono coperti dai contributi assicurativi obbligatori previsti dell’indennità per perdita di guadagno IPG.


Costi nel caso di una ripartizione paritaria

La COFF appoggia una ripartizione paritaria delle 16 settimane da distribuire liberamente tra madre e padre. Le madri avrebbero quindi diritto a 8 settimane in aggiunta al congedo di maternità (totale 22 settimane), i padri a 14 settimane in aggiunta al congedo di paternità (totale 16 settimane). Con un utilizzo simile a quello dell'Islanda, i costi di questa ripartizione del congedo parentale ammonterebbero al massimo a 1,49 miliardi di franchi. I costi complessivi più alti di questo scenario derivano dai costi diversi di una giornata media di riferimento per madre e padre: questi ammontano a 161 franchi per i padri e 127 per le madri.


Ulteriori informazioni


Articoli precedenti