top of page

Aggiornamento: il Consiglio nazionale dice SÌ al sostegno per la custodia dei bambini complementare

Nella seduta del 1° marzo 2023, il Consiglio nazionale ha votato a favore del sostegno permanente per la custodia dei bambini complementare alla famiglia e alla scuola. Con 107 voti a favore, 79 contrari e 5 astensioni, la camera prioritaria ha approvato la proposta di legge. Previa approvazione da parte del Consiglio degli Stati, ne risulterà una nuova legge federale dal nome un po’ ingombrante «Legge federale concernente il sostegno alla custodia di bambini complementare alla famiglia e ai Cantoni nella loro politica di sostegno alla prima infanzia (LSCus)».


Foto: Franca Pedrazzetti I Parlamentsdienste Bern

L’iniziativa parlamentare 21.403 della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Consiglio nazionale (CSEC-N), punto di partenza di tutte le discussioni sulla nuova legge, mira a sostituire il finanziamento iniziale, che scade nel 2024, con una soluzione permanente. L’obiettivo del disegno di legge è quello di ridurre i costi a carico dei genitori e di migliorare la qualità della custodia complementare alla famiglia e alla scuola.


La maggioranza dei favorevoli in Consiglio nazionale ha sostenuto in particolare i vantaggi economici del disegno di legge, che intende contrastare la carenza di lavoratori qualificati e portare a maggiori opportunità sul mercato del lavoro. Una minoranza, tuttavia, ha criticato il progetto definendolo "politica simbolica unilaterale". La proposta favorisce la custodia complementare istituzionale rispetto ad altri modelli. Inoltre, la responsabilità della custodia complementare dei bambini spetta ai Cantoni.


Alcuni membri del Consiglio hanno espresso particolare preoccupazione per gli alti costi derivanti dai contributi per la riduzione dei costi di custodia e hanno chiesto un compromesso finanziariamente sostenibile. Tuttavia, le proposte di tagli ai contributi non hanno avuto alcuna chance. La Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Consiglio nazionale (CSEC-N) stima i costi a circa 710 milioni di franchi all’anno. La Confederazione coprirà fino al 20% del costo medio di un posto di custodia per quattro anni. Successivamente, il contributo federale sarà ridefinito in base all’impegno finanziario dei Cantoni e, se necessario, ridotto fino al 10%.


Un altro punto controverso è stato il credito aggiuntivo di 224 milioni (per quattro anni), destinato al sostegno ai Cantoni, attraverso Accordi di programma, affinché sviluppino ulteriormente la loro offerta di custodia e ne migliorino la qualità. Fortunatamente, nonostante le voci critiche, questo credito è stato approvato senza modifiche. È indispensabile che le offerte garantiscano un’elevata qualità pedagogica, affinché i bambini godano di un sostegno ottimale per la loro crescita.


Anche il campo di applicazione della legge è stato oggetto di discussione. In vista della sessione del Consiglio nazionale, la CSEC-N ha dato seguito alla proposta del Consiglio federale e ha ridotto il campo di applicazione alla fine della scuola primaria. Le proposte che chiedevano un’ulteriore limitazione del campo di applicazione all’inizio della scuola dell’obbligo o un’ulteriore estensione del campo di applicazione dalla nascita alla fine della scuola dell’obbligo non hanno trovato consenso.


Anche il controfinanziamento dei contributi per la custodia dei bambini attraverso la riduzione della quota cantonale dell’imposta federale è stato respinto.


È stata accolta solo la proposta di vincolare la concessione del sostegno finanziario ai genitori alla sola condizione che questi ultimi attestino un grado minimo di occupazione lavorativa o formativa. Questo aspetto sarà disciplinato nell’ordinanza.


La questione passerà ora al Consiglio degli Stati, che dovrebbe occuparsi del progetto di legge nell’autunno o nell’inverno del 2023.


Ulteriori informazioni



Comentarios


bottom of page