top of page

«È stato dimostrato che...»

ovvero: quando un ufficio federale pone fine alla polemica riguardante attività lucrativa e custodia dei bambini.


L’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS) voleva sapere in che misura le nascite, le separazioni e i divorzi influiscono sulla situazione economica delle famiglie. Lo studio che ne è scaturito fornisce risultati impressionanti. E frasi concise nella prefazione!


Su incarico dell’UFAS, l’Ufficio per gli studi di politica del lavoro e politica sociale (Büro für arbeits- und sozialpolitische Studien, BASS AG) ha realizzato uno studio significativo sulla situazione economica delle famiglie. Anche la prefazione, per una volta, merita di essere letta. La vicedirettrice dell’UFAS chiarisce il dibattito che si è acceso nelle ultime settimane sul fatto che una custodia dei bambini più facilmente accessibile e qualitativamente migliore aumenti il tasso di occupazione delle madri. Scrive: «È dimostrato che un’offerta di custodia istituzionale adeguata ai bisogni e a prezzi accessibili favorisce la permanenza di entrambi i genitori nel mercato del lavoro. Allo stesso tempo, è indiscutibile che l’attuale sistema fiscale manca in gran parte di incentivi che favoriscano l’occupazione e il guadagno di entrambi i genitori. Per contrastare gli effetti descritti in questo studio, il settore pubblico e i terzi (compresi i datori di lavoro) devono essere maggiormente coinvolti nell’offerta


Ciò è confermato dai risultati dello studio: «Le madri di tutte le classi di reddito riducono il loro reddito in misura significativamente minore quando ricorrono alla custodia istituzionale. Non sono solo le persone con un reddito elevato a utilizzare la custodia istituzionale. Molte madri guadagnano di più perché ne usufruiscono. Questo determina una situazione economica migliore per la famiglia e, grazie al maggior reddito percepito, si riducono gli ulteriori effetti della genitorialità legati al genere.» (pagina VIII del rapporto)


Una politica per la prima infanzia, come quella proposta dalla nuova legge federale sul sostegno per la custodia complementare alla famiglia e dai Cantoni nella loro politica di sostegno alla prima infanzia (LSCus), è quindi sempre anche una politica per la famiglia.


Ulteriori informazioni:

Comentários


bottom of page